Monetazione di emergenza: La genesi del 20 centesimi “Esagono”

Con l’ascesa al trono di Vittorio Emanuele III, nel Luglio del 1900, la monetazione italiana si arricchì come mai prima di autentiche opere d’arte.
Tra queste, spicca certamente una piccola monetina, coniata per la prima volta nel 1908, in un finissimo stile Liberty: il 20 centesimi “Libertà librata” (Vedi foto 1).

Lo scoppio della Grande Guerra comportò enormi difficoltà per ogni settore economico, e quello monetario non ne fu esente. Le difficoltá causate dalla guerra richiedevano un’ingente immissione di nuova moneta spicciola.
Purtroppo il metallo usato per coniare queste piccole monetine, il nichelio, subí un drastico rialzo causato dalla forte richiesta nell’industria bellica, e ció rese questo metallo di difficile reperibilitá.
Questo stato di emergenza, portó alla decisione di emettere una nuova moneta che si adattasse alle nuove esigenze produttive, e soprattutto, con un costo produttivo contenuto.
Per questo motivo, il 1914 fu l’ultimo anno di coniazione del tipo “Libertá Librata” (se ne riprese la coniazione a partire dal 1919 fino al 1922).
Dal momento che enormi quantitativi di monete da 20 Centesimi emesse negli anni 1894 e 1895 giacevano ancora inutilizzati negli stabilimenti della Zecca di Roma (Vedi foto 3), venne studiato un conio che riuscisse ad imprimere le incisioni dei nuovi modelli riutilizzando i tondelli giá coniati della precedente emissione, contenendo al minimo i difetti tecnici.

Nacque cosí il 20 Centesimi “Esagono”, chiamata cosí proprio per la caratteristica figura geometrica riportata nel Rovescio della moneta che racchiude il valore al suo interno (Vedi foto 2).

Il tipo “Esagono“ fu coniato dal 1918 al 1920, con i seguenti quantitativi di emissione:
Per l’anno 1918: 43.097.000 pezzi;
Per l’anno 1919: 33.432.000 pezzi;
Per l’anno 1920: 923.000 pezzi;
Per i primi due anni di emissione si utilizzarono esclusivamente i tondelli dell’emissione 1894-1895;
Per questo motivo, nella maggior parte dei casi è possibile intravedere su entrambe le facce, in maniera piú o meno marcata, il disegno delle prime monete emesse;
Infatti, come si evince dalla foto numero 2, nel Dritto della moneta (la faccia con la scritta “REGNO D’ITALIA”) è possibile intravedere parte del giro della corona riportato sulla vecchia moneta, con sotto il millesimo 1894, e piú in basso le sigle della zecca di emissione, KB (Berlino).

Ma in alcuni casi, per alcune pecche del processo preparatorio dei tondelli, il vecchio conio si vede con maggiore forza al di sotto della nuova battitura, generando una sorta di “ibrido monetale” decisamente molto apprezzato dai collezionisti, specialmente se la “vecchia” moneta è datata 1895; Essendo questa data meno comune, questo piccolo dettaglio, apparentemente insignificante, aumenta il pregio ed il valore della moneta, specialmente se in alta conservazione (Foto 4).

 

26 pensieri su “Monetazione di emergenza: La genesi del 20 centesimi “Esagono”

  1. Richard dice:

    We are a bunch of volunteers and opening a new scheme in our community.
    Your site provided us with helpful information to work on. You’ve performed an impressive process and
    our entire community will probably be grateful to you.

  2. пиннакл зеркало сегодня dice:

    Have you ever thought about including a little bit more than just your articles?
    I mean, what you say is fundamental and all. Nevertheless just imagine if you added some great images or video clips to give
    your posts more, “pop”! Your content is excellent but with pics and video
    clips, this website could certainly be one of the most beneficial in its
    field. Excellent blog!

  3. Olivia dice:

    I’m not sure why but this site is loading very slow for me.
    Is anyone else having this problem or is it a problem on my end?

    I’ll check back later on and see if the problem still exists.

  4. Margarette dice:

    Admiring the dedication you put into your website and in depth information you offer.
    It’s good to come across a blog every once in a while that isn’t the same out of date rehashed information. Excellent read!

    I’ve saved your site and I’m including your RSS feeds to my Google account.

  5. srikalaivanipackersandmovers.com dice:

    Hi there I am so glad I found your webpage, I really found you by accident, while I was searching on Yahoo for something else, Anyways I am here now and
    would just like to say thank you for a fantastic post and a all
    round interesting blog (I also love the theme/design),
    I don’t have time to read it all at the minute but I have book-marked it and also added your RSS feeds, so when I have time I will be back to read
    more, Please do keep up the great work.

  6. porno dice:

    You made some nice points there. I looked on the internet for the subject matter and found most individuals will consent with your website. Dalenna Willard Glynda

  7. Monkey Digital dice:

    Hi there would you mind stating which blog platform you’re using? I’m going to start my own blog in the near future but I’m having a tough time deciding between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal. The reason I ask is because your design and style seems different then most blogs and I’m looking for something completely unique. P.S Apologies for being off-topic but I had to ask!

    • ilnumismatico dice:

      Hi, thanks for your appreciations on the site.
      We use wordpress. All CMS system you have called are valid tools to operate. The most important thing is graphic look and usability. This are not thing to improvise… Do no make on your own if you are not familiar with graphic concept.
      Regards,
      Fabrizio

  8. Naomi Kizhner dice:

    I like what you guys are up too. Such smart work and reporting! Keep up the excellent works guys I have incorporated you guys to my blogroll. I think it’ll improve the value of my website :).

  9. porno dice:

    Hello! I could have sworn I’ve been to this blog before but after browsing through some of the post I realized it’s new to me. Anyways, I’m definitely happy I found it and I’ll be book-marking and checking back frequently!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *